Seleziona una pagina

Non c’è solo quello economico

Qualche giorno fa mi trovavo in una proprietà che con la mia agenzia ho in vendita a pochi chilometri da Novara. Preferisco sempre arrivare prima dei miei clienti presso l’abitazione che devo mostrare loro. Il dettaglio spesso fa la differenza e mi piace che le condizioni siano ottimali per presentare l’immobile in tutti i suoi aspetti, per individuarne le potenzialità che a volte non vengono messe in luce adeguatamente.

Dopo aver aperto le imposte sia al piano terra che al piano superiore, sono tornato nel cortile e, complici il sole primaverile e i profumi del giardino, mi è venuto in mente un articolo letto su Millionaire in cui si parlava della rinascita del cantante Zucchero dopo un periodo difficile della sua vita. Artista di successo, all’inizio degli anni ‘90, stanco per lo stress dei tour in cinque continenti e per la separazione dalla prima moglie, ha deciso di recuperare un intero borgo a Pontremoli, in provincia di Massa-Carrara.
Pensate ad un artista di fama internazionale che gira il mondo e può decidere di vivere nelle città più blasonate, che invece sceglie di ritirarsi in un paese sull’Appennino Tosco-Emiliano in cui trova la sua dimensione e una ripresa personale.

Immaginate il turbinio di musica, cene, feste e tutto quello che rappresenta il jet set planetario in contrasto con la tranquillità di un paesino di neanche 7000 anime a 230 metri sul livello del mare. Eppure Zucchero la sua dimensione la trova proprio qui. In un luogo che farebbe sorridere nel confrontarlo con Londra, Roma o New York, eppure evidentemente ha quel qualcosa in più che le città maggiori non hanno. O per lo meno, essendo una percezione soggettiva, non trasmettono.

Sarà quello che si chiama fattore X, sarà un quid in più, fatto sta che ogni luogo ha o non ha quell’elemento, quel dettaglio, quella forza che qualcuno percepisce mentre qualcun’altro rimane indifferente.
Questo fenomeno, intangibile, non lo puoi vendere nè tantomeno suggerire. Non lo puoi spiegare nè descrivere in una scheda tecnica. I locali, i mq, i servizi, le pertinenze si, possono essere elencate; le sensazioni no.

Perché scrivo questo? Perché tra tanti numeri, valutazioni e tecnicismi mi piace pensare di vendere anche questo: valori ed emozioni o emozioni che creano il valore. Non solo muri, porte e finestre che possono essere organizzate nel migliore dei modi e con tutti i criteri di design possibili, ma qualcosa che vada oltre tutto questo, un progetto di vita. Ai miei clienti consiglio sempre di valutare gli spazi in funzione del presente ma pensando anche a progetti futuri stimolati magari dagli spazi offerti dagli immobili che andiamo a visitare. Mi riferisco a quella stanza in più o a quel casotto in giardino che può essere utilizzato per un hobby, per svago dei più giovani o come zona fitness.
Posso anche lanciare un’idea, ma le sensazioni e le emozioni non hanno prezzo, si provano e basta.

Poi magari a distanza di anni ricevi una telefonata che ti avvisa che a breve verrà realizzata quell’idea che avevi suggerito, non con i criteri da geometra, ma con il cuore dell’uomo… e allora sì che anch’io, con l’emozione che traspare dalla voce, posso dire di essere andato oltre la mia professione aggiungendo quel qualcosa in più che ti fa sentire soddisfatto e vivo.

Ecco il luogo che ha suscitato queste mie riflessioni, uno dei borghi più magici d’Italia, alle porte di Novara:
https://www.artekasaimmobiliare.it/c-1204649-cantiere-san-nazzaro-sesia/

ANDREA LEO

Se ancora non mi conosci, mi presento: mi chiamo Andrea Leo e sono un Consulente Immobiliare. Con la mia agenzia Artekasa Immobiliare ti aiuto a trovare la casa GIUSTA per te a Novara e dintorni evitando i rischi del mercato immobiliare. Vuoi leggere tutte le mie esperienze? Clicca il pulsante qui sotto e leggi la pagina dedicata ‘Chi sono’!