Seleziona una pagina

Cos’è cambiato nelle abitudini delle persone

La seconda casa è per molte persone un sogno, che si desidera realizzare quando si è raggiunto quello dell’abitazione principale, la “famosa” prima casa.

Qualcuno ha la fortuna di ereditare la casa di un parente, nei luoghi di origine, qualcun altro l’acquista scegliendo tra tante la destinazione ideale, altri rinunciano non solo per impossibilità economiche, ma perché vogliono essere più liberi di girare il mondo senza avere vincoli.

Per i primi, che l’anno ereditata, magari in comproprietà con altri parenti, la location non è una scelta, ma un ritorno, molto spesso ricco di storia ed emozioni legate alla propria infanzia, a volte un ritorno anche a lunghe distanze, che non permettono di poter godere appieno del bene, specialmente se lo si deve dividere periodicamente durante la stagione clou. In molti casi, con il passare degli anni, molti di questi immobili vengono venduti per estinguere mutui e prestiti sulle prime case, o per cercare una soluzione più comoda, sono rare le situazioni dove il passaggio dura per più di tre generazioni.

Per i secondi, che possono permettersi il lusso di acquistare una casa vacanza, la scelta viene fatta tenendo conto di alcuni fattori: un primo fattore fortemente emozionale, che porta a scegliere una località tra quelle sempre desiderate e un secondo fattore più razionale, che limita la scelta ai luoghi del desiderio più facilmente raggiungibili dall’abitazione principale.

Il fattore tempo, quindi quello razionale, sta prendendo il sopravvento su quello emozionale a causa dei tempi di percorrenza autostradale, sempre più lunghi a causa dei cantieri di manutenzione perenni, dell’aumento delle auto in circolazione, che si concentrano esclusivamente nei fine settimana e nei giorni non lavorativi di ponte a cavallo delle festività. Anche l’aumento dei costi dei pedaggi autostradali, dei traghetti e dei voli aerei, stanno complicando la fruibilità delle seconde case ubicate lontano.

Dopo il lockdown è aumentata esponenzialmente la voglia di poter disporre di un “rifugio”, un luogo ideale, diverso da quello abituale, dove staccare letteralmente la spina e resettare la propria routine, recuperando la qualità del proprio tempo e del proprio spazio, magari in compagnia degli amici più cari.

Questo ha portato ad un aumento della richiesta di seconde case, specialmente in locazione per periodi brevi, infatti è cresciuta molto la percentuale di occupazione di immobili posti sul mercato dello short rent, così com’è aumentata la compravendita di immobili a meno di un’ora di percorrenza dall’abitazione principale.
Sono tornate in auge le case in campagna, sulle colline, sui laghi, che negli ultimi vent’anni erano diventate demodé. Si riscoprono luoghi di pace e serenità, in località spesso dietro l’angolo e mai prese in considerazione; c’è la voglia, un bel ritorno, a voler coltivare l’orto e il frutteto; n’è prova l’impennata delle vendite di riviste, tutorial e accessori per la coltivazione e il giardinaggio.

Anch’io, ultimamente, nutro un forte desiderio di poter disporre di una piccola casa di campagna circondata da orti e giardini ben curati, forse più che possedere una casa al mare o in montagna e ho scoperto, con grande stupore, che questo mio desiderio è condiviso da molti dei miei amici.
Questa vita sempre più frenetica, che cerca di proporci il metaverso come soluzione al tempo che ci sfugge, illudendoci di poter trasportare le nostre emozioni dal mondo reale a quello virtuale, in realtà ha ancora fame di cose concrete e se la materialità dell’orto ne è la risposta, da inguaribile romantico, ne sono felice.

Tornando al tema, perdonami se ho divagato, credo che nei prossimi mesi le seconde case ”scomode” perderanno d’interesse, scenderanno di valore e potrà essere un’occasione per il mercato, che approfitterà del turnover facendo concludere ottimi affari, a chi, ignaro sognatore, verrà spinto dal fattore emozionale di cui parlavo all’inizio, alle sue prime code in autostrada…

ANDREA LEO

Se ancora non mi conosci, mi presento: mi chiamo Andrea Leo e sono un Consulente Immobiliare. Con la mia agenzia Artekasa Immobiliare ti aiuto a trovare la casa GIUSTA per te a Novara e dintorni evitando i rischi del mercato immobiliare. Vuoi leggere tutte le mie esperienze? Clicca il pulsante qui sotto e leggi la pagina dedicata ‘Chi sono’!